Non sentirti in colpa! Nei giorni di festa si arriva ad ingrassare anche di due o tre chili in meno di 10 giorni passando dalle cene pre natalizie con i colleghi (che per inciso nessuno avrebbe voluto fare, ma che sono toccate a tutti!), le cene con gli amici a cui non si può dire no, fino ad arrivare a Natale e infine al cenone del 31.

Qual è il risultato che hai ottenuto? Colon irritabile, gonfiore e mal di pancia. Limitare i danni adesso è ancora possibile, basta che leggi i 5 punti che seguono:

1) Niente di estremo!
Facciamo subito una bella dieta d’urto? Si certo… sarebbe come voler scalare l’Himalaya con un tacco 12! Le diete “dure e pure” servono solo ad illuderti che quei due chiletti persi rapidamente in una settimana non torneranno più; in realtà molto probabilmente te li ritroverai sui fianchi prima di quanto credi. Non fare mai al tuo corpo promesse che non puoi mantenere, un po’ come la prima volta che hai detto “Adesso lo mollo e non lo vedrò mai più….”. Sappiamo bene poi com’è andata.

2) Scordati le misure XXL…
Più che una dieta devi far riabituare gradualmente il tuo corpo ad un regime alimentare sano ed equilibrato; lo stomaco, per altro come altre parti del tuo copro, è un organo elastico. Se lo hai abituato a porzioni XXL non aspettarti di poter pranzare in modo soddisfacente con una insalatina senza avere dopo istinti omicidi verso il tuo collega. Cala le dosi Step by step.

3) Non sei la Ferragni, ma al super vacci comunque figa.
Al supermarket vacci sempre a stomaco pieno così eviterai di comprare cibi super calorici… ma soprattutto vacci mettendo quel maglioncini molto cool che ti hanno regalato le tue amiche, ma che adesso ti va stretto. Ti sentirai più cellophanata dei polli del banco frigo e questo sarà un buon promemoria del tuo perduto peso forma quando la tua manina starà per agguantare il panettone in offerta sconto al 50%.

4) La tua vita, come il tuo giro vita, è già al limite!
Abbiamo già detto che la dieta monacale fatta in fretta e furia equivale ad andare incontro ad un bel fallimento programmato… ma ciò non significa che devi continuare a strafogarti come se fossi ancora al tavolo imbandito de “Il pranzo di Babette”; se proprio vuoi ispirarti ai protagonisti di quel film puoi, come loro, assaporare lentamente ogni boccone socchiudendo gli occhi…perché, come sai bene, se mangi piano ti sazi anche molto prima. Adesso però smetti di pensare a quel film che poi ti viene fame, e NO! non sei Babette e NO!, il generale Lorens Lowenhielm comunque non verrebbe mai a casa tua a dedicarti un brindisi di fine pasto come fa alla protagonista del film. Al massimo adesso potrebbe arrivare il Dott. Nowzaradan di “Vite al limite” per dirti “Se lei continua così, io non potrò più aiutarla!”.

5) Adesso seriamente…
Non saltare mai la colazione. Sia a casa che fuori preferisci il pesce alla carne perché il tuo pasto risulterà sempre più leggero. Limita ma non escludere completamente i carboidrati. Se possibile per un po’ modera l’alcool; questo ti aiuterà a sgonfiarti molto più rapidamente. Mangia frutta nella prima parte della giornata e verdura cotta alla sera abbinando sempre a proteine magre. Bevi molta acqua perché così facendo espellerai il sale che hai accumulato nei giorni di festa e che ti fa sentire così appesantito. Ce la farai!